Con Fondimpresa formazione sulla sicurezza per 33.000 lavoratori

Mer, 09/07/2008

9 milioni e mezzo di finanziamenti solo per la prima scadenza. Procedure concluse in meno di tre mesi. Particolare attenzione ai lavoratori a rischio. Un canale facilitato per l’accesso delle piccole imprese alle attività formative. Questa la carta d’identità della più grande iniziativa di formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro in Italia, promossa dal Fondo interprofessionale di Confindustria, Cgil Cisl e Uil

Da Fondimpresa finanziamenti per 9,5 milioni di euro per la formazione dei lavoratori in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Con l’Avviso 1/2008 saranno finanziati 58 piani formativi che coinvolgeranno circa 33.000 lavoratori di oltre 1.000 aziende. Questi sono i risultati della valutazione dei piani presentati entro la prima scadenza del 10 aprile 2008. A nemmeno tre mesi dalla loro presentazione, quindi, le azioni formative possono prendere il via. La risposta delle imprese, per quantità e livello qualitativo, è stata tale che Fondimpresa ha deciso di ampliare gli stanziamenti previsti: saranno oltre 9 milioni e mezzo di euro (invece di 6) i finanziamenti erogati dal Fondo per i piani della prima scadenza. La seconda è fissata al 15 ottobre 2008 e disporrà almeno di altri 6 milioni di euro. Con queste cifre, l’Avviso 1/2008 può essere indicato a buon diritto come la più grande iniziativa di formazione in materia di sicurezza avviata in Italia.

L’Avviso 1/2008 è il primo che il Fondo istituisce con una connotazione specialistica, dopo i primi due Avvisi generalisti della fase a regime, partita nel 2006. Promuovendo questa iniziativa Fondimpresa ha colto con lungimiranza la crescente domanda di formazione da parte delle aziende in materia di sicurezza. Il Fondo interprofessionale per la formazione continua, gestito bilateralmente da Confindustria e Cgil, Cisl e Uil, ha dedicato particolare attenzione alle imprese di piccole dimensioni e ai lavoratori che risultano maggiormente esposti a rischi, individuati come non italiani, under 32 e/o assunti da meno di un anno. Saranno oltre 10.000 (il 30% del totale) i dipendenti con queste caratteristiche che riceveranno formazione in materia.

Per imprese e lavoratori, dunque, una risposta concreta a un problema che oggi è costantemente sotto i riflettori. Ma non è da oggi che Fondimpresa promuove attività di formazione sulla sicurezza. Già nel 2005, ancora in fase di start up, il Fondo ha finanziato un unico grande piano formativo nel settore edile. Tra 2004 e 2005, circa 17.000 lavoratori (il 17% del totale) sono stati coinvolti in 1.363 azioni formative mirate. Nell’attività a regime, tutti i piani formativi che includono la tematica sicurezza sul posto di lavoro vengono premiati in termini di punteggio e le azioni formative sulla sicurezza costituiscono circa il 15% del totale, in termini di finanziamenti erogati. Tra fase di start up, avvisi generalisti del 2006 e 2007, piani aziendali del Conto Formazione e Avviso 1/2008, Fondimpresa dalla sua nascita ha già impegnato oltre 40 milioni di euro per la formazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.

Con 57.000 aderenti che totalizzano 2.800.000 lavoratori, Fondimpresa è di gran lunga il maggiore tra i Fondi interprofessionali per la formazione continua. Nella fase di start up (2004-2005) il Fondo ha reso possibile la formazione per circa 100.000 lavoratori in 7.600 aziende, impiegando 60 milioni di euro. Nella fase a regime, con il Conto di Sistema (Avvisi 2006, 2007 e 2008 prima scadenza) sono stati finanziati piani formativi territoriali e di settore per un importo complessivo di oltre 95 milioni di euro, con più di 150.000 lavoratori impegnati nelle attività formative. Con il Conto Formazione sono stati avviati oltre 900 piani formativi aziendali che interessano quasi 100.000 lavoratori, per finanziamenti che superano i 42 milioni di euro, con un trend di crescita che fa ben sperare per la diffusione della formazione nel panorama aziendale italiano. Tirando le somme, in quattro anni e mezzo Fondimpresa ha impegnato risorse per oltre 202 milioni di euro, il 20% dei quali dedicato ad attività sulla sicurezza, consentendo la formazione di oltre 350.000 lavoratori.

Documentazione