Fondimpresa, 500.000 lavoratori coinvolti in attività di formazione

Gio, 19/03/2009

Sono ben 500.000 i lavoratori delle aziende italiane formati grazie ai finanziamenti Fondimpresa. Dal 2004, il Fondo interprofessionale per la formazione continua gestito da Confindustria Cgil Cisl e Uil ha impiegato circa 250 milioni di euro in 2.230 piani formativi. Altri 75 milioni di euro sono già stanziati per i progetti formativi delle imprese tramite Avvisi pubblici. Tra questi, l'Avviso 1/2009, dedicato alla formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

La promozione della formazione su salute e sicurezza è un cavallo di battaglia di Fondimpresa. Già nel 2008 il Fondo ha pubblicato un Avviso specifico, che ha riscosso massimo apprezzamento dalle imprese: i 12 milioni di euro inizialmente stanziati sono stati portati a 24,7, per la quantità e qualità delle domande pervenute, finanziando 147 piani che coinvolgono circa 100.000 lavoratori. L’Avviso 1/2009 stimola una partecipazione anche maggiore: ben 158 le domande arrivate per la prima scadenza. La seconda è prevista tra il 15 settembre e il 15 ottobre. Tramite gli Avvisi (Conto di Sistema), dal 2006 ad oggi sono state aggiudicate risorse per oltre 106 milioni di euro, formando 210.000 lavoratori.

180.000 lavoratori hanno beneficiato delle attività formative finanziate dal Conto Formazione, che permette ad ogni singola impresa di presentare progetti formativi con grande flessibilità, concordati con le rappresentanze sindacali. Sono ben 1929 i piani avviati dall’inizio del 2007, di tutte le tipologie: dal voucher individuale al piano che riguarda più stabilimenti in regioni diverse e migliaia di lavoratori. Per favorire la partecipazione alle attività formative da parte delle imprese minori, Fondimpresa ha anche attivato un meccanismo di incentivazione, con l’Avviso 3/2008, che stanzia contributi aggiuntivi per un milione di euro. In meno di 2 mesi, l’opportunità è stata colta già da 26 aziende, per un finanziamento aggiuntivo pari a 131.000 euro (tutte le informazioni su www.fondimpresa.it). Sulla base del grande interesse registrato in così poco tempo, la disponibilità di risorse è stata incrementata sino a 6 milioni di euro.

“Il nostro sforzo è costantemente teso a rimuovere, per quanto possibile, i fattori che rendono problematico praticare la formazione – spiega Michele Lignola, direttore generale di Fondimpresa – Per questo motivo abbiamo puntato molto su meccanismi che consentono certezza delle risorse, rapidità dei tempi, flessibilità organizzativa”. Fondimpresa per primo ha adottato il meccanismo del Conto Formazione, in cui sono direttamente le aziende, in accordo con i sindacati, a decidere come usare il 70% delle risorse accantonate. Basta un mese dalla presentazione della domanda per partire con le attività formative. Ma anche gli Avvisi hanno tempi rapidi: non più di 3 mesi per conoscere il risultato dei bandi e avviare i corsi. “La formazione continua in Italia ha fatto progressi – fa presente Lignola, riferendosi al Rapporto 2008 del ministero del Lavoro e dell’Isfol – oggi circa il 32% dei lavoratori viene impegnato in attività formative, ma la media europea arriva al 60%. C’è molto da fare e noi offriamo soluzioni per accelerare e diffondere il più possibile la formazione nelle imprese italiane”.

Documentazione