Come presentare un piano formativo

Per richiedere l’autorizzazione al finanziamento delle attività formative dei propri lavoratori, le aziende aderenti a Fondimpresa devono presentare un Piano Formativo

La procedura è semplice e veloce e si svolge esclusivamente online, accedendo al proprio Conto Formazione sulla piattaforma informatica di Fondimpresa.

ll Piano Formativo - e relativi allegati - può essere presentato in qualunque momento dell’anno, secondo le modalità previste nella Guida alla gestione e rendicontazione dei Piani Formativi Aziendali “Conto Formazione”. Esso può avere una durata massima di 12 mesi dalla data di autorizzazione avvio attività o, se presente, dalla data di avvio anticipato.

Guida per la gestione e rendicontazione dei Piani Formativi

La guida integrale, aggiornata al 1 aprile 2022, per la gestione e rendicontazione dei Piani Formativi Aziendali e relativi allegati ed aggiornamenti.

Leggi tutto qui         

Cos’è il Piano Formativo

Il piano formativo è un programma organico di azioni formative rispondente a esigenze aziendali, settoriali e/o territoriali, condivise e concordate dalle Parti Sociali. 

L’azione formativa è l’unità minima di cui può comporsi un Piano Formativo e si differenzia sulla base della metodologia utilizzata:

  • aula
  • partecipazione a convegni, seminari, workshop
  • action learning
  • auto apprendimento con formazione a distanza - FAD
  • affiancamento
  • training on the job
  • coaching

Il Piano formativo viene finanziato con l’utilizzo del “Conto Formazione” dell’azienda proponente, a condizione che l'azienda interessata cofinanzi almeno un terzo del suo costo complessivo con risorse proprie (di norma, con la retribuzione dei dipendenti posti in formazione in orario di lavoro).

Il Piano Formativo può prevedere un finanziamento massimo pari alla somma tra gli importi disponibili sul Conto Formazione (‘Conto Aziendale’) e l’importo del maturando stimato al momento della presentazione del Piano. Non è richiesto il rispetto di un limite minimo di finanziamento.

In caso di presentazione di un Piano Formativo interaziendale, ciascuna azienda partecipante con propri lavoratori indica il finanziamento richiesto per le attività formative di suo interesse a valere sul proprio Conto Formazione e conferisce per tale importo un mandato alla gestione con contestuale procura all'incasso all'azienda capofila del Piano Formativo.

Per quali attività formative può essere richiesto il finanziamento?

Il Piano Formativo permette di richiedere il finanziamento:

  • delle attività ricorrenti dell’azienda: compliance, aggiornamento, formazione obbligatoria
  • di programmi formativi più complessi, in risposta a propri obiettivi strategici e piani industriali

 

I beneficiari dei Piani Formativi

Le azioni formative finanziabili possono avere come beneficiari 

 

La condivisione delle Parti Sociali

Le risorse del Conto Formazione, infatti, sono destinate a finanziare i Piani Formativi aziendali e/o interaziendali solo se concordati tra le parti sociali (art. 118 della legge n. 388/2000), secondo le modalità definite dal Protocollo di Intesa su criteri e modalità per la condivisione, tra le parti sociali, dei Piani Formativi.

Per poter essere presentato al Fondo, il Piano Formativo deve:

•    essere condiviso con un accordo sottoscritto dalle rappresentanze delle Parti Sociali
•    assicurare la rappresentatività dei lavoratori coinvolti in relazione alla specifica unità produttiva e/o lo specifico territorio da cui gli stessi lavoratori provengono

La procedura di finanziamento

Registrazione all’area riservata della piattaforma informatica FPF di gestione dei piani

La procedura di richiesta del finanziamento al Fondo per l’azienda aderente ha inizio solo dopo che il Responsabile Aziendale ha acquisito le sue credenziali di accesso seguendo la procedura di registrazione all’area riservata del sito di Fondimpresa.

Compilazione Anagrafica Aziendale

All’interno dell’area riservata, il Responsabile Aziendale può:

  • visualizzare l’Anagrafica Aziendale
  • completare il profilo aziendale con i dati relativi alla denominazione aziendale e alle anagrafiche dei lavoratori. 

Questi dati sono utili ed indispensabili alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione. L’azienda avrà sempre cura di tenere i dati e le informazioni richieste aggiornate.

Il Responsabile aziendale può visualizzare in particolare le unità produttive associate al codice fiscale aziendale, identificate per Matricola INPS, Denominazione, ID associato all’Unità Produttiva, Stato Adesione. Possono essere aggiunte/associate le ulteriori unità produttive collegate a ciascuna matricola INPS, soprattutto in caso di plurilocalizzazione e presenza diffusa sul territorio dei lavoratori. E’ indispensabile per i Piani Formativi completare tutto il profilo aziendale.

Nell’anagrafica aziendale è disponibile anche un report automatico e riepilogativo dei Piani Formativi presentati e in gestione.

Privacy Policy Fondimpresa         

Consultazione Conto Aziendale

All’interno dell’area riservata, il Responsabile Aziendale può consultare il Conto Aziendale ovvero verificare le risorse disponibili per procedere alla presentazione dei Piani Formativi.

Ciascuna azienda aderente dispone del proprio sistema di gestione delle risorse accantonate e delle richieste di finanziamento simile ad un sistema di home banking attraverso cui verificare in tempo reale lo stato delle risorse disponibili sul Conto Aziendale e delle richieste di finanziamento inviate e/o approvate.

Solo il responsabile aziendale può consultare il “Conto Formazione” attraverso la funzionalità dedicata “Conto Aziendale” e verificare “data” e “anno di adesione” sulla base dei dati trasferiti dall’INPS al Fondo.

Il Conto Aziendale dell’azienda aderente è individuato per codice fiscale e consente di visualizzare in relazione a tutte le matricole INPS aziendali iscritte del codice fiscale le risorse disponibili trasferite da INPS al Fondo, attraverso un dettagliato “Estratto conto”.

Fondimpresa prevede inoltre nell’ambito della gestione del Conto Aziendale anche la quota di “Maturando”. Il "maturando" è una linea di credito resa disponibile da Fondimpresa per dare all’azienda la possibilità di utilizzare anticipatamente per la presentazione dei Piani, ai soli fini del preventivo, anche i versamenti attesi nei mesi successivi.

 

Attivazione e compilazione Piano Formativo
Dopo aver effettuato la registrazione, compilato l’Anagrafica Aziendale e verificato il Conto Aziendale, il Responsabile Aziendale può attivare il Piano utilizzando la funzionalità “Piani Formativi” del menu di sistema.

Il Responsabile Aziendale registra i Referenti di Piano, da abilitare alla compilazione del formulario online di presentazione del Piano Formativo e a seguire l’avanzamento delle attività di gestione del Piano formativo, dalla scelta della tipologia (aziendale ordinario, aziendale ordinario con ammortizzatori, Piano formativo con richiesta di contributo aggiuntivo, in caso di avvisi emanati e disponibili) alla gestione.

Ad ogni Piano Formativo attivato viene assegnato un codice identificativo unico (ID Piano).

Il Piano Formativo può essere compilato in maniera incrementale, utilizzando la funzione “salva”. Le informazioni progressivamente inserite, caratterizzano ulteriormente il Piano Formativo come interaziendale aziendale e multiregionale (più aziende aggregate e multilocalizzate), aziendale regionale e multiregionale (azienda multilocalizzata) con o senza il voucher Formativo.

Il Referente del Piano ha la responsabilità operativo-gestionale del Piano Formativo ed ha il compito di curare le comunicazioni formali con Fondimpresa e le sue Articolazioni Territoriali. Il Referente del Piano ha il compito di provvedere alla compilazione del Piano nella fase di presentazione e dei dati di monitoraggio nella fase di gestione del Piano per ogni fase del progetto. Può agire solo nella gestione dei Piani Formativi a cui è stato specificatamente e di volta in volta associato dal responsabile aziendale. Il Referente di Piano può appartenere all'organico dell'azienda e/o provenire da un soggetto esterno (enti Formativi).

 

Presentazione e valutazione Piano Formativo

Una volta completate tutte le sezioni informative del formulario online, del preventivo finanziario e degli allegati del Piano Formativo previsti sulla base delle linee Guida e seguendo le istruzioni del Manuale Utente Piattaforma Informatica FPF di gestione consultabile nella sezione download dell’area riservata, si può procedere alla presentazione del Piano Formativo tramite apposita funzionalità, sempre ed esclusivamente tramite la Piattaforma Informatica FPF di gestione.

Dal momento della presentazione online, si apre la fase di verifica dei requisiti di conformità del Piano effettuata dalle Articolazioni Territoriali di Fondimpresa e da Fondimpresa per ottenere l’autorizzazione e l’approvazione del finanziamento delle risorse richieste per le attività formative condivise del Piano.  

L’istruttoria del Piano Formativo è svolta di norma entro 30 giorni dalla presentazione del Piano Formativo online, possono essere richieste integrazioni in caso di carenze nella domanda di finanziamento (è disponibile il Pop up relativo alla Richiesta di integrazione con le scadenze sulla Piattaforma Informatica FPF di gestione). In caso di esito positivo dell’istruttoria, Fondimpresa comunica l’autorizzazione all’avvio delle attività del Piano, il Responsabile aziendale e i Referenti di Piano ricevono semplicemente l’email automatica di notifica dell’esito agli indirizzi di posta elettronica indicati nel formulario e possono cominciare ad inserire sulla Piattaforma Informatica FPF di gestione tutti i dati di monitoraggio relativi allo svolgimento della formazione. Segue la comunicazione di approvazione con delibera del CdA tramite email di notifica della Piattaforma Informatica FPF di gestione.

Dopo la comunicazione di approvazione del CdA di Fondimpresa, è possibile la richiesta di erogazione dell’anticipazione fino al 60% del finanziamento totale del Conto formazione per il Piano, tramite apposita funzionalità sulla Piattaforma Informatica FPF di gestione. La richiesta di anticipazione può essere fatta solo se in possesso dei requisiti richiesti dalla Guida e sempre tramite apposita funzionalità sulla Piattaforma Informatica FPF di gestione.

Qualora l’Azienda abbia necessità di realizzare con urgenza le azioni formative del Piano, può avviare le attività sotto la propria responsabilità anche subito dopo la presentazione del Piano. L’apposita funzionalità è “Avvio anticipato”, disponibile in “Lista Attività” sulla Piattaforma Informatica FPF di gestione, inserendo i dati di monitoraggio relativi allo svolgimento della formazione.

 

Trasmissione Dati di monitoraggio e Valutazione

Una volta avviate le attività del Piano, i Referenti di Piano possono inserire in Piattaforma Informatica FPF di gestione i dati di monitoraggio relativi allo svolgimento della formazione.
I dati completi di monitoraggio dovranno essere caricati entro la data di conclusione del Piano Formativo.
L’attività di monitoraggio è volta ad acquisire i dati di tipo qualitativo e quantitativo ai fini della piena conoscenza degli interventi Formativi.

Si articola in due fasi:

  • il Monitoraggio di controllo
  • il Monitoraggio procedurale

L’attività di monitoraggio deve essere realizzata prima della rendicontazione del Piano Formativo.

Dopo la presentazione dei dati di monitoraggio si apre la fase di verifica della completezza delle informazioni e dei dati di monitoraggio, effettuata dalle Articolazioni Territoriali e da Fondimpresa, tale fase si basa sui parametri di validità delle azioni formative per l’ammissibilità delle spese sostenute per il Piano Formativo.

La verifica di monitoraggio è svolta di norma entro 30 giorni dalla chiusura del monitoraggio procedurale.

Possono essere richieste integrazioni in caso di carenze nella domanda di finanziamento (è disponibile il Pop up relativo alla Richiesta di integrazione con le scadenze sulla Piattaforma Informatica FPF di gestione).

In caso di esito positivo dell’istruttoria di monitoraggio, Fondimpresa comunica all’azienda la validazione del monitoraggio.

Il Responsabile aziendale e i Referenti di Piano ricevono un'email automatica di notifica dell’esito agli indirizzi di posta elettronica indicati nel formulario.

 

Rendicontazione ed Erogazione Finanziamento

L’azienda può procedere all’invio del rendiconto delle spese sostenute, con tutta la documentazione richiesta, tramite Piattaforma Informatica FPF di gestione:

  • entro la scadenza del Piano Formativo
  • entro un periodo non superiore a 12 mesi dalla scadenza del Piano Formativo
  • entro due mesi dalla validazione del Monitoraggio Procedurale

Fondimpresa valuta il rendiconto e, ove necessario, richiede integrazioni.

Una volta approvato, effettua le opportune scritture contabili ed eroga le risorse con bonifico bancario online. Di norma entro 20 gg dalla data di approvazione della rendicontazione finale.

Le risorse del Conto Formazione non utilizzate nell’ambito dei Piani Formativi

  • per economie di rendicontazione
  • per annullamento del Piano Formativo
  • per mancato finanziamento

ritornano sempre nelle disponibilità dei conti aziendali per la presentazione di nuove iniziative formative.

 

Come viene gestita la formazione?

La formazione può essere gestita in proprio dall’azienda che può, se lo ritiene necessario, avvalersi di supporto esterno nella presentazione e gestione dei piani formativi.

Le tipologie di Piano Formativo

Il Conto Formazione mette a disposizione dell’azienda diverse tipologie di Piano Formativo. L’azienda può:

  • presentare piani singolarmente
  • presentare piani in associazione con altre aziende
  • programmare nel tempo e ottenere il finanziamento dei programmi formativi individuali per uno o più lavoratori 
  • ottenere il finanziamento di piani rivolti a lavoratori destinatari di misure di sospensione quali CIG, CIGD, solidarietà. In questo ultimo caso il piano può essere presentato senza l’obbligo del cofinanziamento aziendale per le ore di formazione svolte nel periodo di sospensione.

Oltre ai piani formativi ordinari, il Conto Formazione prevede la possibilità di presentare piani a valere su Avvisi con il contributo aggiuntivo del Conto di Sistema.

Piano Aziendale

Piano Aziendale Multiregionale

presentato da singole aziende operanti con più unità in regioni diverse quando il programma formativo coinvolge lavoratori presenti in unità distribuite su più regioni

presentato da singole aziende operanti con una o più unità in una sola regione

Piano Interaziendale

Piano Interaziendale Multiregionale

presentato da una pluralità di aziende, con i medesimi obiettivi formativi, operanti in più regioni

presentato da una pluralità di aziende, con i medesimi obiettivi formativi, tutte operanti in una sola regione

Voucher Formativo - Piano Aziendale Individuale

il Voucher formativo si sostanzia in un contributo al costo per la formazione di un lavoratore di una azienda aderente. Attività formative individuali gestite direttamente dall’azienda o acquistate su corsi di organismi formativi esterni (modalità voucher). I voucher non possono essere richiesti nell’ambito di piani interaziendali.

Piano con Ammortizzatori

Piani destinati in tutto o in parte ai lavoratori collocati in cassa integrazione, ordinaria o straordinaria, in deroga e per l'edilizia, o con contratti di solidarietà, nell'ambito di interventi di riqualificazione professionale, sulla base di intese sottoscritte dalle parti sociali. Questa tipologia prevede l'esonero delle aziende aderenti dall'obbligo del cofinanziamento nei piani aziendali di Conto Formazione, per i lavoratori sospesi.

Piano con agevolazioni del Fondo Nuove Competenze

Per maggiori informazioni in merito alla presentazione e alla gestione di un Piano Formativo ordinario Conto Formazione a valere sulle risorse dell’Avviso pubblico ANPAL “Fondo Nuove Competenze - FNC” clicca qui

Esenzione dalla regolamentazione degli Aiuti di Stato

Le modalità di erogazione del finanziamento, e di documentazione delle spese del Conto Formazione, esulano dall’applicazione della normativa in materia di Aiuti di Stato.

Esse, infatti, sono definite sulla base del principio della mera restituzione delle risorse versate dalle imprese aderenti, trasferite dall’INPS e accreditate da Fondimpresa sul Conto Formazione di ogni azienda.