IL FONDO INTERPROFESSIONALE PER LA FORMAZIONE
     CONTINUA PIU' VICINO ALLA TUA IMPRESA
Link a documento o URL esterno
thumbnail
Avviso n. 4/2010 di Fondimpresa: modifica dell’articolo 7 (24/06/2011)

Nella seduta del 22 giugno 2011 il Consiglio di Amministrazione di Fondimpresa ha deliberato di modificare l’articolo 7 dell’Avviso n. 4/2010, introducendo un tetto di costo massimo per ora di corso del Piano pari a euro 165,00, che si applica ai piani formativi presentati sull’Avviso n. 4/2010 a partire dal 24 giugno 2011.

Il testo dell’articolo 7 dell’Avviso n. 4/2010 è pertanto così modificato (le variazioni sono evidenziate in grassetto e corsivo):

7 Costi ammissibili

I costi ammissibili nel preventivo finanziario di ciascun Piano formativo sono esclusivamente quelli riportati nella “Guida alla gestione e rendicontazione dei Piani Formativi Aziendali - Conto Formazione”, con i relativi parametri.

Il Piano formativo non può superare, sia a preventivo che a consuntivo, il costo massimo per ora di corso di euro 165,00 (centosessantacinque), calcolato dividendo il costo totale del Piano (al netto delle voci di spesa B e V2) per la somma delle ore delle azioni formative valide del Piano (“ore corso” delle azioni formative valide risultanti dal sistema informatico di Fondimpresa).

Tale soglia si applica anche in caso di aumento del contributo aggiuntivo in sede di rendicontazione, al verificarsi delle condizioni previste nell’articolo 6. Il costo eccedente il predetto massimale di 165,00 euro resta interamente a carico dell’impresa titolare del Piano.

Allo scopo di favorire l’acquisizione di qualificati servizi di supporto alla predisposizione e alla presentazione dei Piani formativi da parte delle piccole imprese aderenti, per la sola voce di spesa “C. - Attività preparatorie e di accompagnamento” viene riconosciuta una percentuale massima di spesa del 30%, sul costo totale del Piano al netto delle spese per i voucher formativi, in deroga rispetto al parametro ordinario indicato nella “Guida”, per lo sviluppo delle diverse attività di progettazione formativa.

Nell’ambito dei Piani non è richiesto l’apporto privato delle aziende proponenti. Pertanto i costi relativi alle voci “B. - Costo del personale in formazione” e “V2.- Costo personale” non devono essere previsti ed imputati tra le spese del Piano.

Roma, 24 giugno 2011

Il Direttore Generale
Michele Lignola