IL FONDO INTERPROFESSIONALE PER LA FORMAZIONE
     CONTINUA PIU' VICINO ALLA TUA IMPRESA
Link a documento o URL esterno
thumbnail
Il paragrafo 3 dell'Avviso indica che "ciascuna azienda può richiedere il contributo aggiuntivo del "conto di sistema" di Fondimpresa anche con più piani, ma comunque entro il limite massimo di euro 15.000,00 (quindicimila)". A quali condizioni l'azienda può proporre un nuovo Piano se nel primo Piano finanziato ha richiesto un contributo aggiuntivo inferiore alla soglia massima di 15 mila euro?

L'azienda che ha già presentato un piano formativo a valere sull'Avviso 4/2011, singolarmente o nell'ambito di un Piano interaziendale, può presentare un nuovo progetto formativo nel caso in cui abbia l'esigenza di sviluppare attività formative diverse (per obiettivi e tematiche, livello della formazione, tipologia di lavoratori coinvolti, etc.) rispetto a quelle previste nel primo Piano presentato, purché sempre connesse in via esclusiva agli obiettivi e al programma di attività oggetto del contratto di rete a cui partecipa.
Nella descrizione delle motivazioni e degli obiettivi dell'intervento all'interno delFormulario del Piano formativo devono essere chiaramente evidenziate finalità e caratteristiche della formazione da erogare, diversità rispetto alla formazione prevista nel Piano precedente e connessione esclusiva degli interventi formativi con gli obiettivi ed il programma di attività del contratto di rete (che deve essere attestata anche nella dichiarazione di cui al punto 2 dell'articolo 6).
Nel nuovo Piano può essere richiesto un importo di contributo aggiuntivo che, sommato a quello del Piano precedente, non superi la soglia massima di 15.000,00 euro prevista dall'Avviso 4/2011.

 Le aziende aderenti a un medesimo contratto di rete possono presentare piani aziendali?

 L’art. 2 dell’Avviso n. 4/2011 prevede che “piani formativi finanziati possono interessare l’ambito interaziendale, anche multi regionale, tra più PMI che aderiscono al medesimo contratto di rete, e l’ambito aziendale (PMI che ha sottoscritto un contratto di rete), anche con l’utilizzo dei voucher formativi”.

Alle “PMI che aderiscono al medesimo contratto di rete” è  riservato l’ambito interaziendale, per realizzare la formazione su obiettivi e attività comuni alla rete nell’ottica dello sviluppo e della crescita della stessa.

L’ambito aziendale può dunque interessare unicamente la “PMI che ha sottoscritto un contratto di rete” e non una pluralità di singoli piani delle aziende partecipanti alla rete stessa.