IL FONDO INTERPROFESSIONALE PER LA FORMAZIONE
     CONTINUA PIU' VICINO ALLA TUA IMPRESA
Pattern
Piano formativo: “Exemplare”
La Pattern, azienda piemontese specialista della progettazione e produzione di capi di abbigliamento per grandi firme, ha investito in un sistema informatizzato di rendering 3d che consente di mostrare al cliente le possibili diversificazioni di prototipo, abbattendo i costi e velocizzando il processo

Rinaldi Group
Piano formativo: “Com.For.T - competitivness for training”
La sfida di una piccola impresa salernitana, produttrice di materassi di alta gamma, che ha introdotto un sistema di digitalizzazione sulle linee di produzione, sviluppando una tecnologia di avanguardia, il Comfort-Driven Design (CDD), in grado di ottenere un comfort personalizzato

Tellure Rôta
Piano formativo: “Innovazione tecnologica per la linea di produzione ruote in poliuretano colato”
Nel 2015 l’azienda modenese, produttrice di ruote in poliuretano, fa un forte investimento per automatizzare fasi di produzione. Non diminuisce il personale. Anzi, lo aumenta

Devincenti Multiliving, Pmp, Sinterloy
Piano formativo: “Change - soluzioni innovative per un futuro sostenibile”
Sei aziende di settori e territori diversi, lombarde e piemontesi, accomunate in un progetto formativo che implementa progetti di innovazione e ottimizzazione energetica, alzando i fatturati e abbassando gli sprechi

Check Up Day Surgery
Piano formativo: “Elekta: l’innovazione della fisica medica nella radioterapia”
Il Centro polispecialistico salernitano investe e fa formazione per porsi all’avanguardia nei trattamenti radioterapeutici per la cura delle neoplasie, offrendo ai pazienti possibilità finora diffuse solo al Nord. E crescendo per fatturato

Neri S.p.a.
Piano formativo: “Il design e la progettazione illuminotecnica per i nuovi prodotti”
Già all’avanguardia nell’illuminotecnica outdoor, l’azienda cesenate investe in un nuovo led con supporto in ceramica, e in un conseguenziale intervento di innovazione di processo, coinvolgendo tutto il personale nella conoscenza delle novità apportate

AE Appliances Engineering, Cibitex
Piano formativo: “Innovate to compete”
Cinque aziende della provincia di Varese accomunate da un progetto di formazione che ne ottimizza gli investimenti in innovazione. Dalla grande alla piccola impresa, dal disegno dei tessuti all’assistenza tecnica per elettrodomestici

Fama Plast srl
Piano formativo: “Color”
30 dipendenti, quasi 40 anni di attività, l’azienda abruzzese produttrice di materiali plastici per imballaggi investe in macchinari che consentono di elevare la qualità del prodotto e la velocità di produzione, forma 16 lavoratori ed ora è in grado di competere nella Grande distribuzione

Angelantoni
Piano formativo: “Path to industry”
Gruppo Angelantoni, le Officine Meccaniche Galletti, Vernipoll ed X3 Solutions, in collaborazione con l’Istituto di fisica Nucleare. Obiettivo: portare la digitalizzazione in imprese di settori diversi, dall’arredo tecnico ai miscelatori di calcestruzzo

Solidpower
Piano formativo: “Nuovi approcci organizzativi e innovazione tecnologica per il miglioramento dei processi aziendali”
Nata nel 2006, l’azienda trentina oggi è un gruppo presente in 4 Paesi, con 200 lavoratori in Italia. I suoi micro-cogeneratori a pile a combustibile sono un prodotto pionieristico, ad alta innovazione e basso impatto ambientale. Per farli, c’è bisogno di competenze tecniche. Per commercializzarli, di competenze relazionali

2G Olearia, Antonio Divella, Boschetti Alimentare
Piano formativo: “Formazione e tecnologie innovative per la valorizzazione del sottoprodotto nella filiera agroalimentare”
12 aziende agroalimentari di quattro regioni diverse, Lazio, Puglia, Campania e Veneto, condividono un progetto di formazione che le prepara all’adozione di tecnologie per il recupero degli scarti di lavorazione, utilizzandoli come combustibili

Per scaricare il libro "Dal Fondo in poi. Storie di rinascita in tempo di crisi"  inviate una e-mail al seguente indirizzo di posta elettronica: DalFondoInPoi@fondimpresa.it
Con circa 85 milioni sono stati riqualificati oltre 80.000 cassintegrati, che sono rientrati in azienda con competenze rinnovate. 

Con 50 milioni, a partire dal 2010, il Fondo ha invece finanziato formazione per i lavoratori in mobilità, coinvolgendo oltre 7mila persone, da Nord a Sud. 
Un'iniziativa tuttora unica nel nostro Paese, che ha portato in media il 55% dei formati a un nuovo lavoro.
Il 50% ha un contratto a tempo indeterminato, il 40% a tempo determinato, il 10% ha preferito avviare un'attività in proprio.

In questo modo le imprese in difficoltà hanno potuto riconvertire ruoli e mansioni, in funzione dei progetti di rilancio. Quelle che, nonostante la fase recessiva, si sono impegnate in piani di espansione hanno avuto la possibilità di assumere lavoratori formati a misura dei loro fabbisogni professionali. In entrambi i casi, un volano per un'economia in difficoltà e un fattore di equilibrio per un sistema sociale provato da anni così critici.
Indice dei casi

1. Siracusa
Di 175 lavoratori in mobilità, provenienti da aziende dell'indotto del petrolchimico, 140, circa il 90%, vengono formati e ricollocati in una nuova azienda. Un altro percorso formativo per 70 persone riporta al lavoro il 100% dei partecipanti.

2. Bergamo
Due progetti per l'orientamento e la riqualificazione di lavoratori in mobilità, con percentuali di ricollocamento di oltre il 33% nel caso dei corsi di media durata e di oltre il 50% nel caso dei corsi lunghi.

3. Ansaldo Breda
Un progetto multiregionale coinvolge, negli stabilimenti di Napoli e Pistoia, affronta una riorganizzazione aziendale che riguarda, a rotazione, tutti i 2.000 lavoratori, utilizzando il periodo di cassa integrazione straordinaria. Due edizioni, 2010 e 2012.

4. Pmt Italia
In una media impresa di Pinerolo (Piemonte), 11 lavoratori in cig vengono formati per adeguarli alle mutate esigenze produttive: c'erano troppi carpentieri e montatori, hanno imparato a usare tornio e fresa elettrica.

5. Settore Ceramica
Un caposaldo dell'Emilia Romagna va in crisi. L'azione delle parti sociali nel territorio e l'attività di orientamento dell'Ente formatore danno nuove chance a 40 lavoratori in mobilità. Nel 2013 parte un nuovo progetto per altre 80 persone che hanno perso il lavoro.

6. Oma Sud
La sfida di una media impresa campana, nel settore dell'aeronautica. Con l'inizio della crisi decidono di diventare, da subfornitori, produttori. La formazione durante la cig viene utilizzata per imparare a realizzare un nuovo aereo. Due progetti, uno nel 2010, uno nel 2012.

7. Lecce
Il percorso di totale riconversione di 116 lavoratori della British Tobacco, che imparano a produrre carrelli portavivande per aerei. Riassunti dalla Iacobucci, a Lecce, una delle province più disoccupate d'Italia. Ricollocazione oltre il 90%.

8. Buonafede
Una piccola azienda di Reggio Calabria, guidata da due fratelli, riqualifica 30 dipendenti in cig con nuove competenze tecniche. L'obiettivo è mettersi in condizioni di lavorare con clienti di nuovi settori: ieri l'edilizia, oggi il ferroviario.

9. Padova
Cinque diversi progetti formativi danno nuove occasioni a oltre 700 lavoratori in mobilità, in un territorio che conosce per la prima volta il problema della disoccupazione. L'attività di orientamento e formazione e l'azione delle parti sociali riescono a ricollocare il 62% dei formati.

10. Indesit
Tra Marche e Lombardia, nella grave crisi del comparto elettrodomestici, il periodo di cig viene utilizzato per ottimizzare la produzione, eliminare competenze obsolete, avviare le persone verso un nuovo lavoro. Nessuno viene lasciato solo.

11. La Spezia
Riconversione di 30 lavoratori, addetti alla produzione di elettrodomestici del comparto del bianco. Dopo un lungo periodo di formazione la riassunzione presso la Asg Superconductors per produrre bobine magnetiche per fonti energetiche alternative.

12. Conti Tipocolor
Una piccola azienda del settore grafico utilizza il periodo di sospensione dal lavoro per riqualificare tutti i 26 dipendenti verso una produzione a più alto valore aggiunto, ricorrendo ai migliori esperti del settore.

13. Komatsu Utility Europe
Azienda veneta, oggi parte di una multinazionale giapponese, ha subito un forte ridimensionamento di personale ma è riuscita con la formazione a limitare i danni riconvertendo molti dipendenti in altre mansioni. E soprattutto rimotivandoli.