IL FONDO INTERPROFESSIONALE PER LA FORMAZIONE
     CONTINUA PIU' VICINO ALLA TUA IMPRESA
Link a documento o URL esterno
thumbnail

 daclientiapartner

di Anna Leone 
Coordinatrice Gestione e Monitoraggio Piani Conto di Sistema Fondimpresa

“Da Clienti a Partner” è un progetto ambizioso ed articolato che nasce dalla volontà del CdA di Fondimpresa di nutrire e valorizzare al meglio la relazione con gli Enti formativi qualificati per le attività del Fondo. “Si pone l’obiettivo di rafforzare la Community degli Enti formativi che ruotano intorno al sistema Fondimpresa”. A parlare del progetto è Anna Leone, coordinatrice dell’iniziativa “da clienti a partner”. 

“Le prime iniziative della Community sono workshop di riflessione su temi attuali e prospettici del mondo della formazione. Il primo workshop ha riguardato "L’Etica e i processi di creazione di valore: la possibile convergenza" sono stati con noi il Prof. Gherardo Colombo ed il Dott. D’andrea, Il prossimo appuntamento è per giovedì 18 giugno, il focus sarà “Le Demografie Aziendali”, guiderà le nostre riflessioni il Professor Rosina.

Altre iniziative della Community sono il “Cantiere Sfida ADA” e il “Cantiere Sfida Competenze”. Il primo cantiere si è concretizzato nella realizzazione di 10 talk finalizzati a definire le caratteristiche e il campo di azione del “Apprendimento Digitale Attivo”. I Talk, condotti dai professori Serio e Nacamulli, sono visibili nella Piattaforma “da clienti a Partner” e indicano spunti e chiavi di letture, attraverso il coinvolgimento di esperti e professionisti. Per il Cantiere Sida Competenze in Piattaforma sarà presto disponibile un tool di apprendimento sul tema delle Competenze, che permetterà di fare il punto sullo stato dell'arte sul tema e evoluzioni a tendere, le pratiche e gli utilizzi, nei diversi contesti, istituzionali e operativi e il potenziale esprimibile in chiave formativa, per le aziende e gli enti formativi. La finalità della Community è attivare processi di knowledge sharing, al fine di generare un circolo virtuoso in cui il legame fra i diversi attori del sistema formativo attivino strategie cooperative insieme a quelle tradizionali di competizione.

Un ringraziamento speciale non può che andare al Prof. Luigi Serio, coordinatore scientifico del progetto, senza il quale non sarebbe stato possibile realizzare tutto questo”.