IL FONDO INTERPROFESSIONALE PER LA FORMAZIONE
     CONTINUA PIU' VICINO ALLA TUA IMPRESA
Link a documento o URL esterno
thumbnail

Claudio Lodi

“La formazione on line è il futuro e non può essere visto come uno strumento temporaneo”

La formazione per Claudio Lodi, nella sua duplice veste di Amministratore Delegato di Lodi Spa e Presidente CIS, è importante per sviluppare la competitività delle imprese e rafforzare la capacità del cambiamento. “In Lodi Spa – racconta Lodi - costruiamo progetti formativi grazie a Fondimpresa e utilizziamo il Conto Formazione con soddisfazione. Realizziamo formazione sia in ambito soft e tecnico. L’esperienza come Presidente CIS, società di servizi formativi, mi permette invece di entrare nel mondo della formazione non solo come imprenditore”.

Ritiene utile il Conto Formazione per un settore, la formazione, in costante evoluzione?
“Il nostro compito è supportare e facilitare le imprese nell’accesso ai migliori strumenti di  formazione aiutandole a raggiungere i propri obiettivi. L’unione di questi aspetti crea valore e l’utilizzo di strumenti come Fondimpresa e Conto Formazione è mai come oggi indispensabile”.

Teleformazione: strumento temporaneo o permanente?
“La Teleformazione è uno strumento che dovrà essere adottato in modo permanente. La formazione on line è il futuro e non può essere visto come uno strumento temporaneo. Questo strumento poco utilizzato in Italia ha permesso a molti di attivarsi rapidamente. La qualità e il valore del servizio formativo resta lo stesso, cambia la modalità di erogazione. Un cambio di paradigma, un aspetto culturale che questa emergenza accelererà sicuramente”.

Fase 2 e ripartenza. Quali sfide per il futuro?
“Ripartire oggi richiede un cambio culturale: l’approccio veloce alle decisioni e la flessibilità del nostro operato. Alcuni modelli dai quali proveniamo sono stati stravolti, basti pensare alle relazioni commerciali o agli eventi come fiere o congressi. Da oggi la ripartenza chiede investimenti sul piano della trasformazione digitale ponendo l’accento su figure come l’innovation manager”.